Separazione – Divorzio – Modifiche delle Condizioni: le nuove procedure

Separazione e DivorzioCon la L. 162/2014 sono state introdotte modalità semplificate per le procedure di separazione, divorzio e modifiche delle condizioni.

Non è più necessario oggi recarsi al Tribunale e sottoscrivere il verbale dinnanzi al Presidente ma si può usufruire di due procedure alternative:

1) La Negoziazione Assistita di uno o più avvocati.

E’ possibile rivolgersi ad uno o due legali (uno per parte) al fine di predisporre e sottoscrivere un accordo di separazione, divorzio o modifiche delle condizioni, le cui firme verranno autenticate dal legale. L’accordo trascritto avrà il valore di una vera e propria sentenza. Presupposto è l’accordo tra le parti.

Possono usufruirne anche I coniugi con figli minori, disabili e/o portatori di handicap, maggiorenni non autosufficienti economicamente.

In questi particolari casi, l’avvocato deve trasmettere l’accordo al Procuratore della Repubblica presso il Tribunale competente ed il PM provvederà a dare il proprio nulla osta nell’interesse dei figli.

Qualora il nulla osta non venga rilasciato, le parti verranno convocate dinnanzi al Presidente del Tribunale.

L’accordo, a pena di sanzione, dovrà essere trasmesso dall’avvocato all’Ufficiale dello Stato Civile per le varie annotazioni entro il termine di 10 giorni

2) Domanda proposta in proprio presso il Comune di residenza di uno dei coniugi e del Comune dove il matrimonio è stato trascritto.

Gli interessati possono presentare direttamente domanda senza la necessità dell’assistenza dell’avvocato. Presupposto è l’accordo tra le parti.

Non possono usufruire di questa procedura I soggetti che hanno figli minori, disabili e/o portatori di handicap o quanto debbono essere effettuati trasferimenti di immobili o altri beni (auto, conti correnti etc). In questo caso si dovrà utilizzare la procedura di negoziazione assistita.

Nel caso in cui non ci siano I presupposti per addivenire ad un accordo consensuale tra le parti, sarà necessaria l’ordinaria procedura dinnanzi al Tribunale.

Con queste novità legislative si avranno dunque tempi ridotti per le procedure di separazione, divorzio e modifica condizioni, si potrà usufruire unicamente dell’avvocato dislocato su qualsiasi distretto del territorio italiano e si eviterà la tanto agognata udienza avanti al Presidente.

Per richiedere la cessazione degli effettivi civili di matrimonio (il cd divorzio) è sempre necessario che siano trascorsi tre anni dalla separazione.

Ancora una volta si segnala l’importanza di rivolgersi ad un avvocato esperto in materia soprattutto laddove si debbano discutere e pattuire condizioni relative a minori, soggetti deboli o regolamenti economici.

Questo articolo è nella categoria Separazioni e Divorzi. Salva questo permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *